prodottigalleria fotoarea tecnicamodulo richiesta informazionielenco prodotti
DIRETTIVA 2004/42/CE - Decreto Legislativo 27 marzo 2006 n.161
guida all'applicazione


Guida all'applicazione della Direttiva CEE 2004/42/CE e D.Lgs. 27 marzo 2006 n. 161, che recepisce la Direttiva

Direttiva 2004/42/CE
Decreto Legislativo 27 marzo 2006 n. 161
Classificazione dei prodotti, esempi di etichettatura


guida all'applicazione in pdf   Scarica la "guida all'applicazione" in formato PDF:
  cov_guida-applicazione.pdf




Contenuti principali della DIRETTIVA 2004/42/CE


Cosa si propone la Direttiva

La Direttiva relativa alla limitazione delle emissioni di composti organici volatili (COV - in inglese VOC) dovute all’uso di solventi organici in talune pitture e vernici si propone di evitare l’immissione sul mercato dell'edilizia e della carrozzeria di alcuni prodotti che, per effetto dell’elevato contenuto di composti organici volatili potrebbero contribuire all’inquinamento atmosferico, causando un aumento di ozono e di ossidanti fotochimici nello strato limite della troposfera o che potrebbero incidere su alcuni processi chimici di acidificazione in atmosfera.


atmosfera


Cosa impone la Direttiva

La Direttiva subordina l’immissione sul mercato delle pitture
ed i rivestimenti utilizzati in edilizia a:
• un contenuto massimo di COV diverso per ogni categoria
• specifici obblighi di etichettatura
• include diverse sanzioni
• delinea i metodi analitici di calcolo del tasso di COV
• definisce i valori limite per le diverse sottocategorie di prodotti, già a partire dal 1° gennaio 2007
• fissa a partire dal 1° gennaio 2010 ulteriori limiti per le stesse categorie, molto più gravosi da rispettare



Gli obblighi di etichettatura

La Direttiva introduce l’obbligo di apporre sui prodotti inclusi nel suo ambito di applicazione un’apposita etichetta da cui risultino evidenti alcune informazioni basilari:
la natura del prodotto ed il relativo contenuto di COV
prescrizioni che si andranno ad aggiungere a quelle già previste in materia di etichetta e di istruzioni per l’uso dalla vigente normativa a tutela dei consumatori e dei lavoratori.



Fino a quando possono essere venduti i prodotti fuori norma

I prodotti aventi un contenuto di COV superiore ai valori limite previsti dalla Direttiva potranno essere immessi sul mercato nei 12 mesi successivi alla data di applicazione della Direttiva (1.1.2007) solo se si dimostra che gli stessi sono stati prodotti prima di tale data.
Poi non potranno più essere venduti.
I prodotti aventi un contenuto di COV inferiore ai valori limite previsti dalla Direttiva potranno essere venduti senza l'apposita etichetta durante tutto il 2007 purché fabbricati entro il 31.12.2006; dal 1.1.2008 dovranno riportare la relativa etichetta



Le sanzioni in caso di vendita di prodotti fuori norma

In caso di immissione sul mercato di prodotti aventi un contenuto di COV superiori ai valori limiti previsti o di contraffazione dell’etichetta, la sanzione stabilita dalle normative vigenti in materia prevede
- arresto fino a 2 anni
o
- ammenda da 10.000 a 50.000 Euro



L’etichettatura in dettaglio

A partire dal 1° gennaio 2007 l’etichetta CE dei prodotti soggetti alla Direttiva dovrà perentoriamente portare in modo chiaro e leggibile le seguenti informazioni:

TIPO DI PRODOTTO
secondo le definizioni contenute nell’Allegato I della Direttiva

VALORE LIMITE
previsto dall’Allegato II, espresso in g/l.

CONTENUTO MASSIMO DI COMPOSTI ORGANICI VOLATILI (COV)
espresso in g/l, nel prodotto pronto all’uso.



Direttiva 2004/42/CE
Decreto Legislativo 27 marzo 2006 n. 161
Classificazione dei prodotti, esempi di etichettatura
 
home pageprodotti di finituraprodotti di complementolinea intonaci a calcerealizzazionidalla A allo ZIPinizio pagina